AFFIDAMENTO CONDIVISO - Affidamento dei figli -

Vai ai contenuti

Menu principale:

affidamento condiviso .net

AFFIDAMENTO CONDIVISO
i requisiti

Il codice civile, nella sua versione rinnovata nel 2006, stabilisce che la decisione del giudice in merito all' affidamento dei figli minori deve essere volta, prioritariamente nei confronti dell' affidamento condiviso.

La scelta del giudice, tuttavia, dovrà essere guidata innanzitutto dall'interesse della prole.

Cosa significa? Significa che il giudice terrà conto soprattutto degli aspetti affettivi e psicologici, oltre che materiali.

Ad esempio:
l' affidamento condiviso non potrà essere attuato allorché l'affidamento ad uno dei genitori possa risultare in danno alla prole.

Importante: la scelta nei confronti dell' affidamento condiviso o esclusivo, non dovrà essere presa tenendo conto dell'addebito della separazione; quindi nel caso in cui un coniuge venga ritenuto "responsabile" della separazione, potrà essergli comunque affidata la prole.

Cosa succede se il coniuge separato già conviva con un'altra persona?

In tal caso potrà comunque essere stabilito l' affidamento condiviso nei suoi confronti, in quanto quel che conta è che alla prole sia assicurato un ambiente in grado di assicurargli il miglior sviluppo della personalità.

Importante: le disposizioni qui richiamate, si applicano sia in caso di separazione personale tra coniugi, sia in caso di divorzio e di annullamento del matrimonio.

HAI DOMANDE?




CERCHI AIUTO?
E
NTRA NELLA NOSTRA
Community!


NEXTPLEASE
the social network
www.nextplease.com


 

Cerca L' AVVOCATO PIU' VICINO A TE
MILANO TORINO BRESCIA
clicca sulla città e descrivi la tua situazione






 

Come chiedere...
l' affidamento condiviso dei figli?

E' possibile chiedere l' affidamento condiviso innanzitutto all'interno del giudizio di separazione, nel quale il giudice, oltre a pronunciarsi sugli aspetti patrimoniali, prenderà i provvedimenti più opportuni anche relativi ai figli.

Importante: il giudice, nel prendere i provvedimenti riguardanti i figli, potrà assumere mezzi di prova sia ad istanza di parte, sia d'ufficio.

Nel caso di minore che abbia compiuto gli anni 12, o comunque con capacità di discernimento, il giudice ne disporrà l'audizione.

Questa disposizione di legge è importante innanzitutto in quanto sottolinea l'effettivo peso che l'interesse psicologico e affettivo della prole può avere nei confronti di un affidamento condiviso, piuttosto che esclusivo.

Inoltre, non và dimenticato che l' affidamento esclusivo può essere chiesto in qualsiasi momento, e che il giudice possa disporlo quando sussistano condizioni che possano far ritenere che un affidamento condiviso sia contrario all'interesse del minore.

Attenzione: la domanda di affidamento esclusivo, che sia manifestamente infondata, può dar luogo all'applicazione dell'art. 96 del codice di procedura civile, e cioè può comportare la condanna, al risarcimento ed al pagamento delle spese legali, per colui che l'abbia intrapresa.






HAI DOMANDE?

CONTATTA L' AVVOCATO
PIU' VICINO A TE

MILANO
TORINO
BRESCIA

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu